Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DELLE

SIMULATE AMICIZIE.

SATIRA SECONDA.


No me posso agiustar. Fiero nemigo
    Son de quei, che d'amar fenze, e nò n'ama;
    Che tuto ve promete, e a campo chiama
    4Cabale, per guidarve a qualche intrigo.

Guardeve pur da chi ve ride in beco,
    E stà sempre sul far larghe promesse:
    Che chi la fraude hà in sen favole tesse,
    8Tira sott'aqua, e ve fa dar in seco.

Mi me fido de vù; ve mostro el cuor;
    Con afeto ve servo, e con prontezza,
    E me sforzo de farve ogni carezza,
    12E quanto posso piu darve in l'humor.

E vù corispondè sì malamente,
    Per vu soli medemi interessai?
    Mo che amicizia è questa vostra mai?
    16E come el Ciel tanta empietà consente?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/28&oldid=62885"