Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Salustio, e Ciceron giera nemisi,
    E Cornelio Nevuodo i praticava,
    Con gran schietezza; e tuti dò l'amava:
    160Perche intrigar lù no'l faveva i bisi.

Bela cossa è l'aver peto sinciero!
    E'l mentir xè bassezza, e codardia.
    Ma quel, che s'usa a proferir busia,
    164Fede no' puol trovar gnanca sul vero.

Nò me stè a dir: solerzia è questa nostra.
    S'habia l'esempio de l'acorto Ulisse:
    Che, se credemo a quel, che Homero scrisse,
    168Degno de laude anche la Fama el mostra.

Fermeve. Altro è acortezza, altro xè ingano.
    No' me metè vuovi in despar a coo.
    Me contento, che un sapia el fato soo:
    172Ma nò che'l terzo habia le befe, e'l dano.

Fù acorto Ulisse in quel, che conveniva;
    E in far quel, che convien, s'acquista laude:
    Ma, quando l'acortezza è mera fraude,
    176Nò me stè a dir: lassè che Homero scriva.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/36&oldid=62893"