Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Chi fedelmente adesso opera, e trata?
    Chi giova, e fà servizio volentiera?
    Quela cara amistà schieta, e sinciera,
    80O Dio, dov'ela andà? Chi me la cata?

Hercoli dove, e Nestori se vede?
    Dove se trova Agripe, e Otaviani?
    Dov'è i Licinij, e dove xè i Traiani?
    84E i Volunij, e i Luculi, armai de fede?

Un Patroclo dov'el? dove un'Achile?
    Dove quei, che stupir feva i Dionisi?
    Dove Zopiri, e Darij? Euriali, e Nisi?
    88Forsi una copia se ne trova in mile?

Piladi, Oresti, Tesei, e Peritoi
    Dov'ei? dove Alessandri, e Efestioni?
    E dove Acati, e Enee, Lelij, e Scipioni?
    92E Barbarighi, e Trivisani Eroi?

Cerchei sì, sì, che i troverè, che i coa!
    Andè là, che i ve aspeta! E ghe n'è chiari,
    Che no' sia pieni de pensieri avari,
    96De giandusse, e de cancari, che i scoa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/32&oldid=62889"