Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/261

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E dopo sto bagolo
(Xè longa la storia)
Mia mare Vitoria
Diseva, fio mio,
Andemo con Dio,
In gondola a un remo
Za presto ghe semo
In volta podemo
De longo sbrissar. 2
     E beli in candela
La vechia putela
Alora una stela 3
(So quel che ve digo)
La gran Mocenigo
Mugier del Teston 4
Che da quela volta
Ancora xè in volta
Se andava a inchinar.
     E strada facendo,
Mia mare Vitoria
(Che Dio l'abia in gloria)
Me andava disendo,
Rifleti Pierin
Che là in quel casin
No ghe che zelenze
No fame indecenze
E stame vicin. 5