Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/260

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Brindesi per le Nozze Valmarana recitato alla Tavola della Contessa Mangilli.


     Mia mare Vitoria
Che Dio l'abia in gloria!
(L'è un pezzo de storia
Piutosto vechieto
Ma pur l'è boneto!
Andava in sacheto
Col mio tabarielo;
In soma putelo
Sui dodese al più.
     Tenudo a le strete 1
Apena do orete,
El zioba col prete
In piazza baucava,
O in chiesa a la Fava;
E dopo tornava
In casa, e de là
No gera molà
Che dopo oto dì.)
     Fin quà tra parentesi;
Ma torno a la storia.
Mia mare Vitoria
El dì de Domenega
In gala ben messa
Voleva che a Messa
Andasse al so fianco,
Pregando sul banco
Con gran divozion;