Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/262

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Colpìo da la predica
Pareva un modelo
Cascà zò dal cielo,
Ma el cuor me tremava
Che caro putelo
La dama zigava
Che muso da bon!
Meteve al balcon 6
No abiè sugizion.
     Co un poca de boria
Mia mare Vitoria
Fra quei Zentilomeni,
(Che in fondo xè omeni)
Vedeva so fio
Un poco ispaurìo
Dar segni imauri
De i fruti mauri
Che dopo à sbrocà.
     Finio sto spasseto,
Mi (sempre in sacheto
La gran cortesan)
Davanti a mia mare,
Mia mare Vitoria
(Sò al fin de la storia),
Persone più care,
Perchè più a la man
Andava a trovar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/262&oldid=58650"