Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     No vogio a sto passo
Descriver per chiasso
Le vode parole
De certe cariole,
Ler altro lustrissime
Medagie antichissime 7
Andae tute in cenere,
Che allora assae tenere
Butava con mì.
     Gò ben a memoria
(Gran forza del Belo!)
E gera putelo!
Che se qualche festa
Mia mare Vitoria
Più umana de testa
Da vu me portava, 8
Oh Dio! respirava,
Contessa el mio cuor.
     Ne certo da gnoco!
Che geri un bel toco,
Nè iperbole gh'è;
E ancora gavè,
Contessa quel che....
Ma torno a la storia.
Mia mare Vitoria
(El come no sò,
Che dati no gò)

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/263&oldid=58653"