Brindesi recitato alla tavola del Valmarana

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Brindesi recitato alla tavola del Valmarana
1823
←  Brindesi per le Nozze Valmarana Edission e fonte ▼ Adio Busonico al Gran Rossini  →
[p. 265 modifica]
Brindesi Pel
Nobiluomo Benedetto Valmarana


Il Poeta sulle traccie dell'altro Brindesi Mia Mare Vitoria recitato alla Tavola della Contessa Mangilli, rammenta in questo l'imbarazzo che provava un tempo rispondendo Messa al passo del Confiteor, e trova qualche analogia di situazione all'aspeto di scelte Damine.


     Mia mare Vitoria
(Che Dio l'abia in gloria
Da sù Valmarana)
Perdon Zentilomo!
L'è un pezzo de storia
Assae più lontana
Descrita nel tomo
Dei fasti domestici
A pagine dò.
     L'è un pezzo infantil
Che onora l'april
De l'ano mio setimo
Co Zago a Perlan 1
Ex feudo Mestrin
Un sesto del vin
Al prete fumava
Co el se preparava
A l'ato Divin.

[p. 266 modifica]

(Fin quà tra parentesi)
Mia mare Vitoria
Voleva per boria
Ch'el Zago facesse
E che rispondesse
A tre quatro messe
Co gera in campagna
Che i preti cucagna
Trovava da nù.
     E alora i Burati
In quel so Perlan
Che pò fin col can
Ghè xè cascà in man
Al Console Russo
Viveva con lusso
E flusso, e riflusso
Ghe gera de mati
Per trenta e più dì.
     Ma fin da quel epoca
Mia mare Vitoria,
Che sensi de gloria
In cuor me istilava,
La se imaginava
Che in Zago cambiandome
A furia de messe
Mi svelto dovesse
Un dì comparir.

[p. 267 modifica]

     E in pien co passà
Me gera l'imbrogio
D'un certo mio scogio
Che rider me fà.)
Mostrava a quel publico
Gran dose de sal,
A tempo sonando,
E pronto cambiando
El logo al messal.
     Ma quel che ogni dì
Pesava su mì
Da farme de ciera
In bota cambiar
Saveu cossa el gera?
Quel bel ritornelo
Che gh'è a mezzo introito
Tra prete e putelo
Me arivio a spiegar?
     Lo digo a la prima
Scartando la rima
Perchè l'è in latin
El nostro Confiteor.
(Vardè mo che buzera!)
Sto scogio Divin
Per mì gera in vila
El scogio de Sila
A tanti fatal.

[p. 268 modifica]

     Rompeva ogni zorno
E in asso restava
Ma pur s'ustinava
Mia mare Vitoria
E per la mia gloria
La me confermava
Nel posto el dì dopo
E mì novo intopo
Tornava a trovar.
     Ne steme a burlar
Che ancora me sento
El sangue giazzar,
E ancora el Confiteor
Me mete in spavento
E ancora se tento
De dirmelo a forte
Suori de morte
Me bagna el frontin.
     Che storia minchiona
Dirà ste damine
Che xè tanto fine.
Dirà la parona
Che vodo sempiezzo!
No gh'è in sto matezzo
Ne sal ne bon gusto,
Sior Piero sè frusto
Da vechio spuzzè.

[p. 269 modifica]

     E pur ve inganè
Gh'è soto un perchè.
Cressendo in età
Me son svilupà
E in tropo ò pecà.
Ò scrito da chiasso
Ò scrito col grasso
E dopia lezion
M'à dà la preson.
     Ma in certe ocasion
Quel primo caratere
De sconto pudor
Se fa del mio cuor
Talmente signor,
Che torno putin
Del feudo Mestrin
E par ch'el Confiteor
Sia là per dir sù.
     E in pien sto spagheto
Me nasse nel peto
Co mì (segregà
Dal mondo purgà)
Me trovo in un circolo
De sangue filtrà
E dame purissime
E dame savissime
Corona me fà.




Note
  1. Luogo di Villeggiatura della famiglia dell'Autore.