Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/264

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     S'aveva piantà
In testa, e fissà
Che de parentà
Ghe xè tra de nù
Un grado ma in su.
Lo credo... sarà....
Ma el fio d'un banchier
L'ajuto de l'albero
In casa no gà. 9
     So ben che piacer
Me dà sto pensier.
E ancora, suposto
Ch'el fusse un gran rosto,
Me godo, me cocolo
Sto grado nascosto;
E da la so gloria
Mia mare Vitoria
Ringrazio de cuor;
     Che senza sto titolo
Nè vose in capitolo,
Nè logo in sto sito
Ancuo gavaria
Per farghe in poesia
Un brindesi ai sposi,
Che freschi e amorosi
No i gà ch'el delito
De andarne lontan.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/264&oldid=58652"