Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che no tratta mai gnessun,
    Se nò Frati in quantità,
    Che ghe predica 'l dezun,
    16L'innocenza, e castità.

Nel sentir tutte ste cose
    Ghe credeva poco, o gnente,
    Perchè mi sò, che le Tose
    20D'esser sante le gà in mente.

Che zà queste quasi tutte
    Le gà gusto esser amae,
    E se anca le xe brutte
    24Le gà molta vanitae.

Sto principio me pareva
    Tanto giusto quanto vero,
    E sul punto me metteva
    28D'aderir al mio pensiero.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/8&oldid=64751"