Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tra le gambe la gaveva
    Un Monin grazioso, e bello;
    Che a vardarlo el me pareva
    80Fatto giusto col pennello.

Mi gaveva pronto 'l Cazzo,
    E me metto in positura,
    Onde subito l'abbrazzo,
    84E ghel ficco in la fissura.

Che la fusse stà chiavà
    Altre volte no credea,
    Mentre questa in verità
    88Una putta supponea.

Ma m'hò accorto, che fallava,
    E formava idee ben strambe,
    Perchè mentre la chiavava
    92La strenzeva assae la gambe.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/12&oldid=64640"