Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Per un pezzo la camina
    Senza mai voltarse in drio,
    Ma ghe giera zà alla schina,
    48E la sento dir: oh Dìo!

Sto sospiro all'improviso
    Me fà audace, e coraggioso
    Fin a dar sù quel bel viso
    52Un basetto spiritoso.

La vien rossa, come el fuogo,
    La me chiama impertinente;
    Ma mi franco; zà in quel liogo
    56No ghe giera alcun presente.

No me perdo de coraggio,
    Me sbottono i me bragoni,
    E per segno del me omaggio
    60Mostro el Cazzo, e anca i cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/10&oldid=64638"