Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/144

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



10Monarchi, Potentati, e Imperatori
    Gà fatto de capello a sta gran Mona,
    Filosofi, sapienti, e gran Dottori
    L'hà fatta del so cuor sola parona,
    Rè, Duchi, Gardenali, e gran Signori
    S'hà cavà riverenti la corona,
    E xe stà messi i regni a ferro, e fuogo
    Per trovar in la Mona un pò de liogo.

11Donca bisogna dir, che sta Pottazza
    Sia 'l giubilo, e 'l contento dei mortali,
    Giubila tanti, e tanti se ne ammazza,
    Per la Mona sbasisce i Dei immortali.
    La Mona infame d'una scarabazza
    Fà nascer tante risse, e tanti mali;
    Donca ve provarò con bona frase,
    Che la Mona è un boccon, ch'a tutti piase.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/144&oldid=64539"