Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/145

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



12Mona, manna del Ciel, e dolce vita,
    Refrigerio dei Cazzi, ch'è languenti,
    Mona, che dell'Osel xe calamita,
    Mona consolatrice nei tormenti,
    Mona cara, soave, e assae gradita,
    Che morsega l'Osello, e no gà denti,
    Mona del miel più dolce, e delicata,
    O dolcissima Mona, o Mona amata.

13No se puol aver gusti, nè dileti,
    Se no se gà 'na Mona al so comando,
    Mona, che divertisce i Frati, e i Preti,
    Boccon curà, che tutti và cercando.
    Scrivè in lettere d'oro, o vù Poeti,
    Che 'l gusto della Mona xe 'l più grando;
    E acciò, che no credè, che ve cogiona,
    Metto zoso la penna, e vago in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/145&oldid=64540"