Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/142

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



6Ruggier xe andà più volte in man d'Alcina,
    Credendo, che la fusse Bradamante,
    El gustava la Mona ogni mattina
    Per farse publicar un vero amante.
    Priamo per una Mona è andà in rovina
    Dopo aver bù dolori, e pene tante,
    E Giove senza onor, senza decoro
    Hà lassà d'esser Dio per farse un toro.

7Paris Omo da ben per ogni conto
    Per la Mona de Vienna è andà in deliri,
    Alfonso per Biancafior xe stà a dir pronto,
    Che 'l viveva de lagreme, e sospiri,
    Marte, che al mio parlar no resta sconto,
    Lù hà fatto colla lanza dei bei tiri,
    Marte, ch'è stà costante a ogni cimento
    Hà fatto el Dio Vulcan becco contento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/142&oldid=64537"