Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/141

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



4Neron, che se puol dir Rè de tiranni,
    Del popolo roman strage, e rovina,
    Dopo aver fatto tanti gran malanni,
    Hà fatto avrir so Mare una mattina,
    Fà Seneca svenar, che per tanti anni
    Xe stà 'l maestro, che gà dà dottrina,
    E pò alfin el l'hà fatta alla so Dea
    Per la semplice Mona de Popea.

5Per gelosia Ermolao della consorte
    Brusò Troja una notte all'improviso,
    Ma nel so primo amor costante, e forte
    Nol podeva aver ben per quel bel viso,
    Anzi l'hà stabilìo piuttosto a morte
    Riddurse, che lassarla ad un Narciso,
    E per quanto, che lù gabbia studià,
    La sorte rìa gà tutto rovinà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/141&oldid=64536"