Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se almanco l'una, o l'altra vù tagiessi
    De sto do condizion, vu vedaressi
                    48Nel Mondo i gran progressi;

Ma, co volè la sia eseguida in tuto,
    Dei Cazzi no podè veder el fruto,
                    51Doneghe 'l vostro agiuto,

Che vedarè da lori maravegie,
    Che i farà tanto crescer le famegie,
                    54Ch'innarcherè le cegie.

Allora el Sommo Giove, Giove Amone,
    D'avanti l'hà chiama tutte le Done,
                    57E 'l gà dito; Patrone,

Sull'istanza dei Omeni hò pensà,
    Che'l giudizio de Venere tagià
                    60Voi, che 'l sia per metà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/170&oldid=64669"