Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/167

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


APPELLAZION A GIOVE.


SONETTO


Oh Sommo Giove, che 'l celeste coro
    Per fotter delle Donne avè lassà,
    E a segno tal ve sè desnaturà,
    4Che per Europa ve sè fatto in toro

Ve sè cangià per Danae in piova d'oro,
    E per Leda in un Cigno trasformà.
    Deh! Se tanto 'l chiavar v'hà delettà
    8No ve sdegnè, se'l vostro brazzo imploro.

Saverè la sentenza buzarada,
    Che hà fatto Amor, e com'ingiustamente
    11Venere vostra fìa l'hà confermada.

A vù, che podè tutto intieramente,
    Una strazza gò dà de querelada
    Acciò, che la tagiè assolutamente.
                    15Giudice incompetente

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/167&oldid=60683"