Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/169

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



In stato mai de spender co una Dona,
    No poderà mai questo andar in Mona?
                    33Che leze buzarona!

Vù me dirè, che chi gà sto divieto,
    El se puol divertir in tel Culeto
                    36De qualche ragazzeto,

Ch'anca vù l'avè fatto, e chi nol crede
    Ghe lo dimanda al Cul de Ganimede,
                    39Che lù ghe farà fede;

Respondo, che se tutti da drìo vìa
    S'andasse, presto 'l Mondo fenirìa;
                    42No l'è la causa mìa.

Ma, caro Giove, sia con vostra pase,
    Parlo per quei, che 'l Culo no ghe piase
                    45Questi è quei, che no tase;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/169&oldid=64668"