Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/168

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Digo, che sia la Donna, e no podesse
    Persona giudicar, che gà interesse;
                    18Date le mie premesse,

Mi in ordine propono, che sto spazzo
    Per cento, e più rason no val un Cazzo;
                    21Qual visazzon de Cazzo

Ghe darà mai gnessuna esecuzion
    A ste do buzarade condizion?
                    24Chi sarà quel cogion,

Che spender voggia, e aver anca pazienza?
    De Venere, che hà fatta sta sentenza,
                    27Dove xe la conscienza?

Ghe xe un, che hà bezzi, ma no xe paziente,
    No poderà mai questo buscar gnente?
                    30Un altro no se sente

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/168&oldid=64667"