Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/166

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E più de qualche dona,
Veramente zucona,
75A sentirse un oselo che ghe parla
Col frasario adotà per el bel sesso,
E che nel tempo istesso
Se slonga per becarla,
Scaldandose la testa
80Per moto de natura
Ze corsa via a la presta,
Tremante da paura,
Che in quel'afar ghe sia
Qualche gran strigaria,
85E che nel darghe reta
Ai discorsi imprudenti de culù
La so propria virtù
Se comprometa.

Sto caro papagà
90Siora Betina
Se l'aveva arlevà,
Per consegio de un doto in medicina,
A no magnar che vovo,
E un zorno che i ga dà
95Del cibo novo
Per esperimentar
Se 'l voleva cambiar,
Al colmo indispetio
Do mocoli à tirà de quei sonori,
100Che l'aveva sentio

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/166&oldid=64194"