Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


185Cussì sta maledeta
Per far una vendeta,
Dopo un studio acanito,
S'a pensa,
De meter a profito
190El papagà,
Nè abadandoghe gnente,
(Giustizia da Pilato)
Che sul disgusto nato
El mario de sta tal fusse inocente,
195Perchè le done co ghe salta el grilo
No le sente più el fren de la prudenza,
No le ghe abada tanto per sutilo,
Nè le sa preveder la conseguenza.

Ferma in sta so intenzion
200Lo coloca pulito
Co la crozzola arente del balcon,
E po se posta in sito
Da non esser scoverta,
Indove stando a l'erta,
205E stando sconta,
La podesse esser pronta
Co sior Checo
Passava per de là
De far che 'l papagà
210Disesse «beco.»

Cussì sucede, e drio co sta filada
Per vinti zorni boni