Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45No avendo mai senfio,
Né avendo leto
Fra la strage de autori consultai,
Che la madre natura
Daga dei papagai
50Co una bravura
Cussì eminente e strana
Da far supor che i ga,
Come la specie umana,
E memoria, e inteleto, e volontà.
55Un numero de tose
Se faceva la crose,
Sentindo sto animal
A dirghe tal e qual.
Anca co più bon sesto o più maniera,
60Quel che matina e sera
Ghe da da intender Tizio,
Che infenochia Sempronio,
E imbevue de ignorante pregiudizio
Lo credeva el demonio
65Bon e belo,
Che in forma de un oselo
Co de le strane burle,
Co de le brute scene,
Tentasse de ridurle
70Madalene,
Prima, s'intende za, che la conscienza
Fusse arivada ai dì de penitenza.