El quadro

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El quadro
1857-58
←  El papagà Edission e fonte ▼ I do ustinai  →
[p. 171 modifica]
EL QUADRO.


Un certo conte Dario,
     Un omo milionario,
     Un Epulon,
     Ma scarso de sapienza,
     5E pien in conseguenza
     De ambizion,
     L'aveva fato aquisto de un palazzo
     Dove 'l spendeva a sguazzo
     Per ridurlo un sogiorno
     10Da passar l'ore ben la note e 'l zorno.
Dopo fornio ogni sito
     Con un gusto squisito,
     Dopo tanti lavori,
     Gran aquisti de bronzi e de sculture,
     15Che ga costà tesori,
     Se pensa decorarlo de piture;

[p. 172 modifica]

Fa esborsi generosi
ln quadri i più famosi
De celebri peneli,
20Tiziani, Tintoreti, Rafaeli,
E trovandose in quele pertinenze
Da poco capità
Un pitor da Firenze,
Che pareva de qualche abilità,
25Ghe ordina la cena che 'l Signor
Coi so Apostoli à fato,
Fissando col pitor
Preciso el pato
De darghe cento scudi e vinti a zonta,
30Purchè in t'un mese l'opera sia pronta.

L'artista, che lo trova un pato d'oro,
Se dedica al lavoro
Co gran assiduità,
Ma sempre frastornà,
35Sempre distrato
Da l'imensa paura,
Che a terminar afato
La pitura
Un mese solamente
40Nol ghe sia suficiente,
E che ghe vaga,
No adempindo in sto termine l'assunto,
A spasso un sesto in punto
De la paga;

[p. 173 modifica]

45Per altro in tal maniera ghe da drio
Che 'l quadro in trenta zorni ze finio.

Contento contenton
Al conte Dario ghe lo va a portar,
El qual con atenzion
50Metendose a contar
Le figure, che 'l quadro presentava,
Rimarca sul mumento
Che i Apostoli a tredese arivava;
E qua se vede l'omo de talento,
55Perchè se un rico sà,
Che del Signor a cena
I gera una dozzena,
Vol dir che l'à studià,
Le prove essendo tante,
60Che chi ga bezzi più ze più ignorante,
Salvo a bona rason
Qualche rara ecezion.

Alora rivolgendose a l'artista
El ghe dise — me par, se no à falà,
65Che sia corso una svista;
I Apostoli, che alora ga cenà,
Credo lo savarè,
Gera dodese, e invece
Qua tredese ghe n'è,
70Dunque uno cresce. —

Ma lu più assae imbrogion che no pitor,
Per no dar da supor

[p. 174 modifica]

De aver comesso
Sto strazzo de maron,
75E no meter la paga in compromesso,
Ghe trova a quel minchion
Sta scusa pronta:
— Quelo che ze de più no la lo conta,
Perchè 'l magna un bocon, e po el va via.
80Avanti che la cena sia fenia. —

Se a sta strana risposta el comitente
Sia restà persuaso
No so gnente,
Ma quei che conta el caso
85Dise che 'l zorno drio
A veder el ze andà se l'è partio.

A la barba del progresso
Certi conti gh'è anca adesso,
Come afato el conte Bario,
90O con picolo divario.