Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/164

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Esato, pronto e chiaro el pronunciava
In modo che stupiva
Quelo che i ghe insegnava
20E che 'l sentiva,
Ma co una gran bravura
Superando
La lege de natura
Dava de quando in quando
25Da so posta,
Voi dir senza lizion.
Una risposta
A ton;
E se solo el restava
30Sto can no ghe lassava
Un mumento de requie al so gargato,
Ma discorsi el faceva
Confusi che pareva
El volesse imitar qualche avocato;
35Infati un papagà
Che podeva deboto,
Senza oltragio de quei che ghe ne sà,
Aspirar ai congressi come doto,
E apartegnir a vari
40De sti nostri Istituti leterari,
Possedendo i esenziali requisiti
De tanti membri che se trova inscriti.

Più de qualche bravissimo sogeto
Ze restà del prodigio imatonio,