Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/157

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Zà xe persa la fattura
    Predicar la carità,
    Che la zente ancuò paura
    32Più del Diavolo no gà.

Contro 'l vizio no val gnente,
    Che criè da desperai,
    Perchè zà hà fissà la zente
    36No se daga sti peccai.

Non occorre vegnìr vìa
    Dell'Inferno coi terrori;
    In ancuò l'è 'na pazzìa
    40Da Poeti, e da Pittori.

Per correger el costume
    No ghè più dottrine sane,
    Giera meggio farghe lume
    44Anzi a quei, che và a puttane;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/157&oldid=64800"