Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/158

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Co volevi conservarve
    Ghe voleva più giudizio,
    No dovevi altro intrigarve,
    48E a seconda andar del vizio.

Vù dovevi a più no posso
    Far dei bei peccai d'accidia,
    Che no v'averessi addosso
    52Tirà tanta gran invidia;

Studiar tanto no dovevi,
    Ch'a studiar continnuamente,
    L'è un rimprovero, che devi
    56A quei, che no studia gnente;

Bisognava, che no fessi
    Tanto i Santi, nè i devoti,
    Ma piuttosto a far ve dessi
    60I ruffiani, e i zerbinoti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/158&oldid=64801"