Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/160

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Dovarè farghe i braccieri,
    Aspettar de dirghe Messa,
    Darghe drìo ai so pensieri,
    80Se la xe filosofessa.

Una qualche gran Signora,
    Che servìa d'un boccon grosso
    Ve puol far avere ancora
    84Un dì, o l'altro un capel rosso.

A sto passo cussì alto
    No saressi zonti mai
    Senz'aver fatto 'l gran salto
    88D'esser Frati desfratai;

E de più podè arrivar,
    Co un gran nome v'avè fato;
    El Conclave a cogionar,
    92E portarghe vìa 'l Papato;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/160&oldid=64804"