Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/275

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Come no? Se ghè ogni tanto
    Doppie cerche, e più Casselle,
    E chi vuol el perdon santo
    48Gà da monzer le scarselle;

Questo vuol, che tanti spassi
    Sia reduti tutti in cenere,
    E che i Omeni sia sassi
    52In tel Ciel de Dea Venere.

Ma che vedo! Zà scomenza
    A levar suso la zente,
    E de niovo zà se pensa,
    56Come star allegramente;

Se prepara una gran cena,
    Che deventa un baccanal
    Per sentir manco la pena,
    60Che sìa morto Carneval.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/275&oldid=64594"