Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/273

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Oh! Che strana mutazion
    Dalla sera alla mattina,
    Par, che sia vegnù un Sion,
    16Ch'hà mandà tutto in rovina.

Xe fenìe tutte le Feste,
    No ghe più quell'allegrìa,
    Par, che sia vegnù la peste,
    20Ch'abbia tutto portà via;

No ghè più soni, nè canti;
    I Teatri xe serrai,
    Ballerine, e Comedianti
    24Xe marmotte deventai.

Par, che un Mago sia vegnù,
    Ch'abbia tutto rebaltà,
    E voltà col Culo in sù
    28Tutta quanta la Città.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/273&oldid=64592"