Una visita sospeta

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
IX. Una visita sospeta
1886
←  VIII. A l'avocato Lantana — Risposta Edission e fonte ▼ X. Nel Centenario de S. Beneto  →
[p. 73 modifica]
IX.


UNA VISITA SOSPETA

[p. 75 modifica]

1Stando un dì solo a casa in sentinela,
Che tuta la famegia gera a spasso,
Sento darme un tiròn de campanela.
Pertegando le scale coro abasso,
E co' prudenza, perchè gera el caso,
Verzo la porta in sfesa1 e sporzo el naso.

2E qua starave ben un'avertenza,
Per dirve che l'autor de sta canzon
Ga veramente un naso da celenza,
Fora de le ordinarie proporzion;
Ma se no ve ne importa, salto via
La parentesi intiera, e vegno al quia.

[p. 76 modifica]


3«Chi xe?» domando alora: e una voseta
«Son mi!» la me risponde un poco in pressa.
Dago un'ochiada, e vedo una doneta
Belina, e se volemo, anca ben messa;
Ma la gaveva un anda... un certo tiro,
Da far qualche cervelo andar in ziro.

4Co' un sestin che per solito me manca,
«De chi cerchela in grazia?» ghe domando.
«Stàlo qua el tal?» la me risponde franca;
E mi: «Per ubidirla!» de rimando;
«Ma me rincresce proprio che a sta ora
No la trova gnissun: xe tuti fora.» —

5«Pezo per lu ch'el perde l'ocasion!»
La me risponde un poco cola luna;
«Mi rica e de bon cuor, come che son,
Vegniva in fondo a far la so fortuna.
Proprio per lu go qua tanti regali
Ghe gnanca Creso no ghe n'à de eguali.

6E in cambio de sto onor e de sta basa,
Lu, che se dà la paca de far versi,
Me contentava che, anca stando a casa,

[p. 77 modifica]

Disesse ben de mi a tempi persi,
Co un ode, una canzon, l'articoleto
Su qualche sfogio, o un strazzo de soneto.»

7Mi a sto punto, vardando de straforo,
Go squadrà megio tuta la persona:
E go capìo che viso, abiti e oro.
No gera che impostura bela e bona,
Roba vechia e retenta; e un mio lontan
Se vedeva le zogie de Muran.2

8Onde pezo de prima insospetio,
Ma duro come sior Antonio Rioba,3
Anzi un poco tirando el cesto indrio,
Pensava fra de mi: Coss'è sta roba?
Questa xe una batùa de novo conio,
O me fa qualche tiro sto demonio.

9Non ostante, facendo un poco el mamo,4
(Che in fondo xe el mio stato natural,)
Ghe digo : «Mi son un povaro gramo
Che devo riferirghe al principal.
Cossa góio da dir, se el me domanda?
Ela, in grazia, chi xela? e chi la manda?»

[p. 78 modifica]


10Gaveu, per caso, mai visto un galeto,
Prima ch'el daga el so chirichichì,
Che l'alza el beco e sporze in fora el peto
Che par ch'el diga: adesso son qua mi?
Cussì culìa, sgionfando la persona,
Co' un sussiégo da comica me intona:

11«Son fia de la rason e son sorela
D'ogni progresso e d'ogni civiltà;
Son più vechia d'Adamo e son putéla,
Son el martelo de l'Autorità;
Son sola, ma go sempre in compagnia
Tuti i gusti, ì tesori e l'alegria.

12Son quela che ghe dà fama divina
A tanti ómeni e done in tuto el mondo:
Ai Bruti, ai Grachi, a Cassio, a Catilina,
La gloria soa mi ghe l'ò dada in fondo;
E Sparta e Atene e Tiro e tuti i Stati
Che più grandi xe stai, mi li go fati!.....»

13E de sta sia5 la me infenochia suso
Che no la gà paura dei leoni;
Che a dei bravazzi la gà roto el muso

[p. 79 modifica]

E che gnissun la tìen, gnanca i canóni;
Ma che pur tuti ghe fa bona ciera
E ghe averze le porte volentiera.

14Mi, a sta tirada alquanto imborezzà6
Ghe la scavezzo e digo: «Ma, signora,
Ela, cussì de rango, no la ga
Gnanca un fià de lachè co la va fora?
La me creda, una puta no par bon
Cussì sola de sera a sbrindolon.7»

15No ghe l'avesse dito! - «Oh! vardè, cazza!»
(La ciga) «chi vol farme el Ciceron!
Ghe voleva quel muso da smegiazza
Per far el mestro e darme sugizion,
A mi, che son, (per dir in poco assae)
La prima fra le done emancipae!» —

16«Via, no la vaga in cólera, celenza,»
Replico alora mi, «la torna in pase;
«No go po' minga dito un'insolenza!
Piutosto la me diga, se ghe piase,
Lassando da una parte el cossa, el come;
El so preciso e reverito nome.» —

[p. 80 modifica]


17«E ghe vol tanto, stolido, marmota,
A intendar che mi son la Libertà?
A qual parte de mondo sògio ignota!
El mio nome real chi no lo sa?
Me lo dirave anca un bambin; ti solo
No ti capissi chi che son: pandolo!»8

18A ste carezze, senza andar in aria,
Ghe rispondo flematico: «Parona,
Ela la Libertà? Oh! la zavària.9
La conosso anca mi quela matrona
Che xe bela, pulita, e brava tanto,
Che la sa far de un mascalzon un santo.

19La conosso anca mi, perchè spessissimo
In certi afari mii la m'à dà man,
E go podesto in grazia soa benissimo
Una figura far da cortesan;
E una parola soa fra mile ostacoli
Pol anca adesso farme far miracoli.

20Quela per altro no la va mai sola;
Ma la gà do belissime sorele,
Che da bambina la menava a scuola,

[p. 81 modifica]

E che adesso ghe stà sempre a la pele:
Perchè orba un poco, come che la xe,
Le ghe dà man e le xe sempre in tre.

21Quela xe proprio Libertà sincera,
Giustizia e Carità xe st'altre do:
Un magnifico terno che a la tera
In regalo el Signor ga mandà zo;
Ma guai se a l'una o a l'altra ghe fa torto
Da sempio qualchedun! L'è un omo morto!

22A le curte, parona! Co quel viso,
Ela per Libertà no la conosso;
E sicome go l'ordine preciso,
La perdona, ma vérzarghe no posso.
I tempi xe cativi, e, la sa ben,
Trarse adosso malani no convien.

23Sala cossa? La vegna in compagnia
De quele do che ghe diseva prima,
E alora ghe prometo in fede mia
De tornarghe pienissima la stima;
Ghe averzo, se la vien co quele mestre,
Se no basta la porta, le fenestre.

[p. 82 modifica]


24Ma fin che la xe sola e cussì messa,
No la se pensa de vegnir qua drento. » —
E dite ste parole, in pressa in pressa
A la megio ghe fazzo un complimento,
Dago a la porta un bel seròn,10 e lasso,
Come se dise, la foresta in asso.

25Go per altro sentio st'altra de fora
Che diseva de mi l'ira de Dio,
E concludeva: — «Oh! sì vignarà l'ora
Ch'el pagarà del so rifiuto el fio!
Oh! sta coa malegnasa11 el provarà
Quanto mal che pol far la Libertà!...»

26E mi invece tranquilo e assae contento
D'ésserme liberà da quela striga,
Pensava fra de mi: Passarà el vento,
Lassemo che la fazza e che la diga;
Che za, fra quel che vedo e quel che lezo,
No ghe resta da far gnente de pezo.



Note a cura de l'autor
  1. sfesa — fessura, spiraglio: in sfesa dicesi della porta quando s'apre un poco soltanto.
  2. zógie de Muran — gioielli falsi o di vetro.
  3. Sior Antonio Rioba — antica statua così nominata, che esiste nell'angolo di una casa in campo dei Mori - V. il N. XIV.
  4. mamo — melenso, sciocco.
  5. de sta sìa — di questo passo: parlandosi di acqua, risponde al toscano scia.
  6. imborezzà — ringalluzzito, imbizzarito.
  7. a sbrindolon — a zonzo, a gironzare.
  8. pandólo — goffo, scimunito.
  9. la zavária — delira, diventa pazza, le gira il capo.
  10. dar un seròn, chiudere con forza, ed in fretta.
  11. malegnasa — maledetta.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Una_visita_sospeta&oldid=40762"