Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/80

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


10Gaveu, per caso, mai visto un galeto,
Prima ch'el daga el so chirichichì,
Che l'alza el beco e sporze in fora el peto
Che par ch'el diga: adesso son qua mi?
Cussì culìa, sgionfando la persona,
Co' un sussiégo da comica me intona:

11«Son fia de la rason e son sorela
D'ogni progresso e d'ogni civiltà;
Son più vechia d'Adamo e son putéla,
Son el martelo de l'Autorità;
Son sola, ma go sempre in compagnia
Tuti i gusti, ì tesori e l'alegria.

12Son quela che ghe dà fama divina
A tanti ómeni e done in tuto el mondo:
Ai Bruti, ai Grachi, a Cassio, a Catilina,
La gloria soa mi ghe l'ò dada in fondo;
E Sparta e Atene e Tiro e tuti i Stati
Che più grandi xe stai, mi li go fati!.....»

13E de sta sia1 la me infenochia suso
Che no la gà paura dei leoni;
Che a dei bravazzi la gà roto el muso

  1. de sta sìa — di questo passo: parlandosi di acqua, risponde al toscano scia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/80&oldid=63477"