Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/266

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AD UN AMIGO SULLO STESSO ARGOMENTO.


CANZONE


Saverè, che m'è stà scritto
    Da un poeta un'insolenza,
    Senza che mi gabbia ditto
    4Mai a lù un'impertinenza.

Quel, che stimo, che lù giera
    In tel rolo dei me amici,
    E de quei, che volontiera
    8Ascoltava i me caprici.

Vedo adesso, e me despiase,
    Ch'in quel tempo, che lù fava
    Tanti elogi alla mia frase,
    12Giusto allora el cogionava.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/266&oldid=60760"