Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/267

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tanto che no sò più gnente,
    Co me loda una persona,
    Se 'l me loda veramente,
    16O se pur el me cogiona.

Mì per altro me compiaso
    Del mio dir, e me trastulo,
    E me daga pur de naso
    20Quei, che vuol, tutti in tel Culo.

Fazza pur chi vuol fracasso,
    Ch'i me versi xe cogioni,
    A mi basta, ch'i abbia piaso
    24Al Vicini1, ed al Frugoni;

E tanti altri gran poeti
    Letterati i più famosi
    Per aver i me soneti
    28Tutti quanti xe voggiosi.

  1. Giovanni Battista Vicini, abate e poeta (1709 - 1782)
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/267&oldid=64699"