Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/268

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Par, che tutti gabbia fame
    De sentir la robba mia,
    Cavalieri, Savj, e Dame
    32Per averli i se trà via.

Ma, che tutti me cogiona,
    Questo mai no se puol dar;
    La xe donca robba bona,
    36Quando ognun la vuol cercar.

Non occorre quà mentir,
    L'estro mio xe assae giocondo,
    E i me versi, basta dir,
    40I xe andai per tutto 'l Mondo.

Del mio Critico no vedo,
    Che gnessun gabbia un Sonetto,
    E s'alcun l'hà bù, mi credo,
    44S'abbia fatto un fazzoletto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/268&oldid=64700"