Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/269

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ghe voleva gran virtù,
    E dei doni rari, e tanti,
    Per trattar da turlulù
    48Un, ch'hà piasso a tutti quanti.

S'anca un Omo el sà, che son,
    Che no gà scienza gnessuna,
    El doveva sto cogion
    52Respettar la mia fortuna;

Ch'anca questa xe 'na Dea,
    E chi in so favor la gà,
    A sto Mondo se recrea,
    56E da tutti xe adorà.

El mestier far dei poeti
    No conseggierave mai,
    Se xe sempre povereti,
    60E pò ancora cogionai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/269&oldid=64701"