Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/298

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Mi gò sospetto, che là drento un vaso
    Ghe sia pien d'oro, e un balsamo prezioso;
    30Che no la vuol, che mi ghe metta el naso;

V'assicuro, che son assae curioso
    De saver quel negozio, e no capisso,
    33Perchè in questo la gà del misterioso

Tanto, e tanto però molto gradisso
    Quejlo, che la me fà, e ben chiamar
    36Me posso fortunà, co no falisso;

Ve digo ben, che mi del negoziar
    Mai tanto le regole hò imparà,
    39Quanto, che co sta Donna a praticar.

Del vero trafficar la m'hà insegnà
    El modo, che bisogna i primi zorni
    42Far boni patti, ma con civiltà;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/298&oldid=64471"