Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/297

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che l'avesse da usar più, che mai posso
    In ogni sò richiesta, e manizarse
    15Tutti, finche'l negozio vegna grosso,

Che no s'abbia gnessun mai da lagnarse,
    Ma reciproca fusse la fadiga,
    18E goda più quel, che sà più inzegnarse.

In te la so bottega, sta mia amiga,
    Sò, che la gà de bon, e mi per questo
    21La servo in tutto, basta la mel diga.

Ghe xe un da dir, che me xe assae molesto;
    Perchè tegnir la chiave anca vorrìa
    24D'un armaretto fatto con bon sesto.

La lo tien nella porta da drìo vìa,
    E drento mì son certo persuaso,
    27Che la gabbia la meggio mercanzìa,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/297&oldid=64470"