Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Par l'Osto un General coi so Offiziali,
    Le caldiere xe i schioppi, e xe i Cannoni,
    30L'arme bianche xe i spei, bozze, e boccali;

Quei rosti, che và attorno sù i cavioni,
    E quel fuogo, che par quella fornasa,
    33Dove s'hà buttà drento quei Cogioni.

Mi vardo, che ste cose no le piasa
    A tutti quanti, e che ghe sìa de quelli,
    36Che ga più gusto de magnar a casa.

Come mai se puol dar de sti cervelli,
    Che voggia andar a casa a star in occa,
    39Quando i puol star in mezzo dei bordelli?

Avanti de andar là se gua la bocca,
    Co se xe là se sente un'allegrezza,
    42Che più voggia ve fà d'andar in Cocca.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/94&oldid=64633"