Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/93

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Se volè, che mi 'l vero ve confessa,
    Mi gò più gusto andar all'Osterìa,
    15Che no xe, co xe festa, andar a Messa.

Là se và soli, come in compagnìa,
    E se và colla so cara Donnetta
    18Sicuri, che gnessun ve para vìa;

Oh! Quella xe una vita benedetta,
    Quello xe 'l vero stato de Natura!
    21Tutto 'l resto sul Cul, ch'i se lo petta;

Che serve per magnar tanta coltura?
    Quà se magna con quella purità,
    24Come se fava avanti la scrittura.

Cosa più allegra al Mondo no se dà;
    Questa svegia l'idea dei Baccanali,
    27Che fava Roma in la so prima età.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/93&oldid=64632"