Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


TERZINE


Me domandè, se gò casin? ve digo,
    Che ghe n'hò più de diese al mio comando,
    3E uno meggio dell'altro, sì d'amigo.

Da Camerieri, che no stà de bando,
    Mi son servìo con tutta l'attenzion,
    6E mi gò tutto quello, che domando;

Tanto, che gò più stima, e devozion
    Per el primo, che al Mondo hà fatto l'Osto,
    9Che per quel, ch'hà inventà le prucission.

Sempre cotto se trova un lesso, un rosto,
    E subito magnà vien suso in pressa
    12Quello, che v'hà servìo, che el porta costo;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/92&oldid=60637"