Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



A veder l'Ostarìa l'è una bellezza,
    Chi và, chi vien, chi cria, chi batte i piati,
    45E chi da rider proprio se scavezza.

Là se canta, se balla, co fà mati,
    E le camere tutte le xe piene,
    48De Puttane, Bardasse, Preti, e Frati,

Quante stanze ghe xe, ghè tante cene,
    Chi zioga alla bassetta, e chi alla mora,
    51E se sente a far mille cantilene,

Chi và da quella porta drento, e fuora
    Chi và sù per magnar, chi vien zò pieni,
    54Chi sona, magna, beve, pissa, e sbora.

In sta forma se passa i dì sereni,
    E quando se xe là, a mi me par,
    57Ch'in tel centro se sìa dei veri beni;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/95&oldid=64634"