Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/97

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Co se xe stracchi questa xe un ristoro;
    E in viazo, quando all'Ostaria s'arriva,
    75Par, che s'abbia trovà qualche tesoro;

Gode ogni facoltà l'intellettiva
    A pensar d'aver presto da magnar;
    78E gode in tel magnar la sensitiva;

Se xe inverno, se gode quell'andar
    Subito al fuogo, e quando, che xe istae
    81Se se consola averse da muar;

Se in tel deserto là ghe fusse stae
    Otto, diese Ostarie, quei gran Ebrei
    84No s'averave dà tante seccae.

Per l'Ostaria ghe dono Archi, e Trofei,
    Cariche, onori, e i più gran bei palazzi,
    87Anca l'abitazion dei Semidei.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/97&oldid=64636"