Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/96

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ste cose in altri lioghi se puol far,
    Ma, se nù pesaremo queste, e quelle,
    60Vedaremo, che quelle suol calar.

De so Natura tutte le xe belle,
    Ma de gusto ghè tanta differenza,
    63Quanta ghè dal sturion alle sardelle.

Ah! Quel dar alle maschere licenza,
    Quel viver sciolto, e quella libertae,
    66Che se gode in sto liogo, de conscienza

Fà, che la robba piasa meggio assae
    Tanto, che per no andar all'Ostarìa
    69Essere mi no vorrìa so Santitae.

Cosa serve magnar co pulizìa
    In bacili d'arzento, e piatti d'oro,
    72Quando, che no se magna in allegrìa?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/96&oldid=64635"