Mariegola de santa Croce

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Mariegola de santa Croce
parte I, 1387; parte II, 1435
Edission e fonte ▼
Sto testo el xe la mariègola, cioè el statuto, de la congregazion de la santa Croce de Ciosa (N.d.R.)
[p. 33 modifica]
MARIEGOLA DI SANTA CROCE


Questa si è la mariegola dela congregation dela veraxia Croxe.

In nome de Dio e del Salvadore nostro Yhesum Xsto amen, ac eciamdio dela sancta et individua trinità, çoè delo pare, delo fijo e de lo sancto Spirito, ac ectiamdio dela sanctissima Croxe, corando li ani dela incarnation de quelo nostro segnor Yhesum Xristo M. trixente LXXXVII, indicione VI, in tempo del reverendo in Xristo pare e segnore misier Silvestro per la gracia de Dio vescovo de Cloça e del nobelle, savio e potente homo, mesier Çanim Miani, honorevole podestà de Cloça, et in tempo deli descreti homeni sier Girardo dela Roxa, Maistro Andrea Marangon, sier Francesco Porçelo, sier Bartolamio Scarpa, gastaldi de questa benedecta fraternita, fo ordenado esser fato questo libro in questo modo cum consentimento de tuti li frari de questa sancta congregacion qua dentro scriti.


Capitolo I.


Cumçosiacosa che caschauno mortale e fedele cristiano, dummentre che ello vive in questa chachuca e temporale vita, de' sempre avere die e nocte avanti li suoy ogli queste II chosse; la prima chossa si è lo premio del bene e la seconda lo merito del male. Adeçò voiandonde el nostro segnor farnde cauti et aveçudi, sinde amaestra in lo sancto evangelio, aço che nuy siamo pronti al bene, e1 che questa [p. 34 modifica]vita presente sia incerta, si disse: debiamo vigilare et orare chè nuy non savim lo di ni l'ora. — Et inperçò nuy, frari e servidori dela fraternita de questa veraxia croxe, inspiradi de la divina gracia, imprimamentre açò che nuy possemo conquistare la salù dele aneme nostre, avemo pensà e pertractà de avere delicion insembrementre et amore spirituale conformandosse nuy segondo quelo che dixe mesier san Iacomo, debie orar l'uno per l'altro, açò che nuy possem aquistare salù, sapiando ch'el vale molto la oratione delo homo iusto continua. Et inpensando çò nuy frari, li nome deli quali è e serà qua dentro scriti, cum graciosa mente et aliegro animo e sincera voluntà e cum fervore de spirito, alo honore del nostro segnor Yhesum Xristo e dela soa preciosa mare Madona sancta Maria e dela soa gloriosissima Croxe, questa Congregacion si fo commençada açò che ela per nui e per tuti li altri frar, li quali entrarà in questa sancta congregacion, debia avocare, pregare e perdonança domandare et atrovare de tuti li nostri pecadi, ananço la presencia del nostro segnore Dio e de la soa preciosa mare madona sancta Maria la quale è fontana de misericordia e piena de pietade. Amen.


Capitolo II.


Volemo adoncha e ordenemo che in le quatro festività de madona sancta Maria, in le festività de li (XII) Apostoli, in le festività de sancta Croxe, in la festa de tuti li sancti, de san Lorenço, de san Stefano, de san Çuane, deli Innocenti, devotamentre debia andare çaschauno in le suò gliexie, e la domenega per tempo se debia andare batando.


Capitolo III.


Item che çaschauno se debia guardare dali peccadi mortale e de tuti se debia confessar. [p. 35 modifica]


Capitolo IV.


Anchora volemo che ogno anno, almen una fiada, se confesse çaschaduno e chomunege, çoè da pasqua, dali suoy parini, over da altri cum licencia de quilli.


Capitolo V.


Item che tuti li frari in lo dì de venere sancto ogno anno se vada batando cum processione.


Capitolo VI.


Anchora volemo, quando alguno de questa congregacion morirà, debia fir portado ala gliexia cum procession batandosse e quilli chossi vestidi quello sepelire debia, e per anema de quello çaschauno sia tegnudo de dire XXV paternoster e XXV ave marie.


Capitolo VII.


Item volemo et ordenemo, se alguno frar o seror pasarà de questa vita, de tuto quello ch'eli se lasarà per anema, page ala scuola soldi I per libra e li gastaldi sia tegnudi dever scuoder quili sovrascriti daneri.


Capitolo VIII.


Ancora volemo et ordenemo, se alguno deli frar o seror dela scuola fosse infermo e no avese da farse ben, (volemo) che li gastaldi sia tegnudi alturiarlo deli ben dela scuola.


Capitolo IX.


Item volemo et ordenemo se alguno deli frar o seror [p. 36 modifica]dela scuola fose infermo fora dela tera, çoè in la dioçia da Gra’ a Chavarçele, e alguno de li diti frar o seror fosse in quello luogo, possa sovegnir quelli de fin ch'el serà conduto in Cioça e li gastaldi sia tegnudi a render quili daneri deli ben dela scuola.


Capitolo X.


Ancora volemo et ordenemo, se alguno deli frar o seror dela dita scuola murirà, tuti li altri frar o seror debia acompagnar quelo frar o seror ala glixia con procession batandose con una chandella in man per chadauno: e li gastaldi sia tegnudi a scuoder II daneri, de li qual daneri uno alo prevede che diga messa per anema de quel frar o seror, e l'altro danero vegna in la scuola2: e çaschaduno frar o seror sia tegnudi de dir XXV paternoster e XXV avemarie per anema de quili defuncti.


Capitolo XI.


Item volemo et ordenemo, se algun frar o seror morise fuora de la tera, çoè in la dioçia, e non avese de che sepelirse, e algun de li altri frar o seror fosse in quello luogo, expenda libre V de veniçiani a dover far sepelir quilli, e li gastaldi sia tegnudi a render quilli deli ben dela scuola.


Capitolo XII.


Ancora volemo et ordenemo che ogna domenega prima del mexe se debia far dire una messa per anema de tuti li frar e seror che xe pasadi de questa vita, e chadaun page dinar II, uno alo prevede e l'altro sia dela scuola e li gastaldi sia tegnudi a scuoder quili dinar. [p. 37 modifica]


Capitolo XIII.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Capitolo XIIII.


Item volemo et ordenemo, se alguno frar o seror dela dita scuola se portase odio insembre, li gastaldi sia tegnudi a farli far paxe insembre, magnar e ber insembre, cum amor e delicion, e quelli che no vorà aver paxe insembre, qui3 mancherà, sia chançeladi dela dita fraternita.


Capitolo XV.


Item volemo et ordenemo che lo dì de sancta Croxe del mexe de setembrio se faga la lumenaria secondo uxanza.


Capitolo XVI.


Anchora volemo et ordenemo che in la festa de misier san Michiel del mexe de setembrio se debia far una charità per anema de tuti li frar e seror.


Capitolo XVII.


Item volemo et ordenemo, se alguno frar o seror no pagarà per tuto l'ano, sia chancelà dela riegola4 e dela dita scuola.


Capitolo XVIII.


Anchora volemo et ordenemo, quando serà chomandà per li nostri gastaldi algum frar o seror andar a veglar al[p. 38 modifica]guno dela scuola che fosse a condicione de morte, e quello o quelli no volese obedir, emende . . . . . . . . . . . .


Capitolo XIX.


Ancora volemo et ordenemo che algum gastaldo no possa meter man in li daneri de la scuola sença liçençia del capitolo, zoè del soldo per libra deli daneri dele messe per aneme.


Capitolo XX.


Ancora volemo e ordenemo, quando serà comandà algum deli frar per li gastaldi e per lo comandador andar con la scuola over andar ad algum corpo e quili non ge andese, emende ala scuola soldi uno.




In nome de Dio e del salvadore nostro Ihesum Christo, amen, ac eciandio de la sancta et individua Trinità, çoè delo Pare, delo Fijo e delo Spirito sancto, ac eciamdio dela santissima Croxe, corando li ani dela incarnation de quello nostro segnor Ihesum Christo MCCCCXXXV, indicion X; queste si è le parte che è stà prexe in tempo del reverendo in Christo padre e segnor misier Pasqualin Centoferi per la gracia de Dio veschovo de Chioça e del nobelle savio e potente homo mesier Çan Çustinian chavalier, honorevele podestà de Chioça en tempo de li discreti homeni sier Lorenço Alesandro, vardian de questa benedeta schuola, e sier Feleto Buolo e sier Piero Maçorana e sier Francescho Malveço e sier Pasqualin Chaime e sier Pelegrin da Pelestrina, gastaldi de questa benedeta fraternita, fo hordenado ser fato questo libro cun cumsentimento de tuti li frari de questa congregacion qua dentro scriti. [p. 39 modifica]


Capitolo I.


Item volemo e ordenemo che in lo dì de sancta Croxe del mese de maço se debia dar a çaschadum un pan da soldi II l'un e una chandela benedeta rossa de tre onçe e una de una onça per onferir, e çaschadum paga soldi oto per homo.


Capitolo II.


Anchora volemo e hordenemo che in lo dì de sancta Croxe del mexe de maço se dieba far un gardian, tre gastaldi, e de quelli tre gastaldi sia fato un avicario.


Capitolo III.


Anchora volemo e ordenemo che in lo dì de sancta Croxe del mese de setenbrio sia fati i altri tre e cusì anderà de (in) ano in ano.


Capitolo IIII.


Anchora volemo e ordenemo che sia fati V scrivani, li qual sia scanbiadi ogno ano, e queli che refuderà paga a la scuola soldi cento segondo come paga i gastaldi.


Capitolo V.


Ancora volemo et ordenemo che s'el fosse nesun dei fradeli che falisse per inçuriar Dio e la mare overamente algum peccado ch'el fese, o inçuriase algum di fradeli, el vardian e i compagni sia tegnudi de balotar e setenciar per la maçor parte de quili che se atroverà, e dieba condanar colori che falirà. [p. 40 modifica]


Capitolo VI.


Ancora volemo et ordenemo che s'el vardian biastemiase, mençonase el diavolo, overamente biastemase algum sancto, paga soldi do, e se simel fese i compagni, paga soldi II e se simel fese i fradeli, paga picoli VI.


Capitolo VII.


Item volemo et ordenemo che s'el fose algum fradelo infermo, a tuti i fradeli se faça un boletin per homo, e tuti sti boletini se meta in un capelo, quando algum de li fradeli no se sentisse ben, che bexognase andar a vardarlo la note; ch'el vardian overamente un deli compagni, quando el vardiam no se açonçese a eser in tera, dieba meter man in quel capelo e lieva II boletini, e queli che serà levadi dieba andar a vegelar el nostro fradelo, e s'el non de volese andar, manda un homo suficiente, o paga soldi diexe, e no voiando hobedir questo, sia deschançeladi dela scuola.


Capitolo VIII.


Ancora volemo et ordenemo che çascadum dì ordenado che se anderà con la scuola, segondo como comanda la nostra mariegola, (che) cadaum de li diti fradeli che no vignerà con la scuola sia tegnudi de pagar soldi un per homo.


Capitolo VIIII.


Ancora volemo et ordenemo che chadaum deli fradeli che non vignerà con la scuola fina a diexe ponti, çoè a diexe volte che anderà la scuola, (che) cadaum ponto paga soldi IIII per cadauna volta che i falira, o che i sia çaçadi [p. 41 modifica]fuora dela scuola, salvo se i no serà in viaço fuora de la tera, o maladi.


Capitolo X.


Ancora volemo et ordenemo che quando algun vien acetado con questa condiçion, che paga la so intrada segondo como i primi açetadi, che è soldi vinti per omo, (che) chadaun de li fradeli che serà açetadi in la scuola se dieba aver fato la so capa per fina a mexi tre prosimi che de' vegnir.


Capitolo XI.


Ancora volemo et ordenemo che sia una cassa da tegnir danari con quatro chiave, e quatro che loro non possa avrir l'un sença l'altro, salvo çusto pedimento, e quelo sia tegnudo de dar la chiave, che la se abia, siando prexente tuti li altri fradeli over la maçor parte.


Capitolo XII.


Ancora volemo et ordenemo che sia tegnudo conto de l'intrada e de l'insida e consignar tute cosse de la scuola per aventario de gastoldi in gastoldi, prexente quatro savij li qual serà eleti per lo capitolo.


Capitolo XIII.


Ancora volemo et ordenemo, che sia fato sie comandaori, e queli sia tegnudi de andar comandando ai fradeli dela scuola per dover andar con la scuola, over andar ad algun corpo, e queli che non hobedixe, menda ala scuola soldi quatro per çascadun, e quei che non vorà obedir sia descançeladi dela dita scuola. [p. 42 modifica]


Capitolo XIV.


Ancora volemo et ordonemo ch'el vardian, ni ofitial, ni fradeli non sia açetà sença el capitolo e con i borsoli e le balote in sta fraternita.


Capitolo XV.


Ancora volemo et ordenemo che s'el fosse algum dei fradeli dela dita fraterna, che volesse insir fuora sença alguna caxon, o no oservando la mariegola, sia tegnudi de pagar a la scuola soldi 1.


Capitolo XVI.


Item volemo et ordenemo, che el pare misier el vardian, el avicario e i signori gastaldi sia a piar una parte, che i fradeli che vien a levar la soa tolèla e può sende va via sença licencia, dieba pagar ala scuola soldi IIII e, se no vorà obedir, sia descançeladi dela scuola, e cadauno deli fradeli ch'el saverà e non l'acuserà, dieba esser a quella condicion e paga soldi IIII.


Capitolo XVII.


Ancora al5 pare misier lo vardian, al avicario e ai gastaldi, che le done, le qual è in la dita scuola, diebia pagar per cadauna volta che anderà la scuola VI picoli.


Capitolo XVIII.


Ancora al pare misier lo vardian, e ai gastaldi, che quelli i qual volesse intrar in questa benedeta scuola, che fosse acetadi, non se intende mai de esser acetadi per infinatanto che i abia la capa. [p. 43 modifica]


Capitolo XIX.


Ancora al pare misier lo vardian, al avicario e signori gastaldi, che a loro ge vegna conpasion dela novità che è stada st'ano in questa tera, che quelli che è stadi per infina mo e no s'a fatto la capa, se dieba aver fata infina a mexi IIII prosimi che die vegnir; e no le façando sia descanceladi dela scuola.


Capitolo XX.


Ancora misier lo vardian e i conpagni no possa meter le suo' tole suxo el chavelo, ni oficial nesuno, ni fradelo nesuno, soto pena de eser chanceladi dela scuola.


Capitolo XXI.


Ancora volemo e ordenemo che lo luni de pasqua se vaga con la scuola per le gixie batandose, e 'l dì del corpo de Cristo al someiante.



Note
  1. Mi pare che si debba sottintendere il cumçosiacosa che della linea 17, benchè sia costruito nel primo caso coll'indicativo, e qui col congiuntivo.
  2. Vedi l'osservazione a pag. 19.
  3. Nel ms. si leggerebbe dopo, per chi, che io io omisi essondo glossa di qui.
  4. Intendi mariegola.
  5. Nel codice si legge «el» e così pure ai Cap. XVIII e XIX.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Mariegola_de_santa_Croce&oldid=47295"