Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.

vita presente sia incerta, si disse: debiamo vigilare et orare chè nuy non savim lo di ni l'ora. — Et inperçò nuy, frari e servidori dela fraternita de questa veraxia croxe, inspiradi de la divina gracia, imprimamentre açò che nuy possemo conquistare la salù dele aneme nostre, avemo pensà e pertractà de avere delicion insembrementre et amore spirituale conformandosse nuy segondo quelo che dixe mesier san Iacomo, debie orar l'uno per l'altro, açò che nuy possem aquistare salù, sapiando ch'el vale molto la oratione delo homo iusto continua. Et inpensando çò nuy frari, li nome deli quali è e serà qua dentro scriti, cum graciosa mente et aliegro animo e sincera voluntà e cum fervore de spirito, alo honore del nostro segnor Yhesum Xristo e dela soa preciosa mare Madona sancta Maria e dela soa gloriosissima Croxe, questa Congregacion si fo commençada açò che ela per nui e per tuti li altri frar, li quali entrarà in questa sancta congregacion, debia avocare, pregare e perdonança domandare et atrovare de tuti li nostri pecadi, ananço la presencia del nostro segnore Dio e de la soa preciosa mare madona sancta Maria la quale è fontana de misericordia e piena de pietade. Amen.


Capitolo II.


Volemo adoncha e ordenemo che in le quatro festività de madona sancta Maria, in le festività de li (XII) Apostoli, in le festività de sancta Croxe, in la festa de tuti li sancti, de san Lorenço, de san Stefano, de san Çuane, deli Innocenti, devotamentre debia andare çaschauno in le suò gliexie, e la domenega per tempo se debia andare batando.


Capitolo III.


Item che çaschauno se debia guardare dali peccadi mortale e de tuti se debia confessar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/34&oldid=62564"