Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
Capitolo XIX.


Ancora al pare misier lo vardian, al avicario e signori gastaldi, che a loro ge vegna conpasion dela novità che è stada st'ano in questa tera, che quelli che è stadi per infina mo e no s'a fatto la capa, se dieba aver fata infina a mexi IIII prosimi che die vegnir; e no le façando sia descanceladi dela scuola.


Capitolo XX.


Ancora misier lo vardian e i conpagni no possa meter le suo' tole suxo el chavelo, ni oficial nesuno, ni fradelo nesuno, soto pena de eser chanceladi dela scuola.


Capitolo XXI.


Ancora volemo e ordenemo che lo luni de pasqua se vaga con la scuola per le gixie batandose, e 'l dì del corpo de Cristo al someiante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/43&oldid=62573"