Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
Capitolo XIV.


Ancora volemo et ordonemo ch'el vardian, ni ofitial, ni fradeli non sia açetà sença el capitolo e con i borsoli e le balote in sta fraternita.


Capitolo XV.


Ancora volemo et ordenemo che s'el fosse algum dei fradeli dela dita fraterna, che volesse insir fuora sença alguna caxon, o no oservando la mariegola, sia tegnudi de pagar a la scuola soldi 1.


Capitolo XVI.


Item volemo et ordenemo, che el pare misier el vardian, el avicario e i signori gastaldi sia a piar una parte, che i fradeli che vien a levar la soa tolèla e può sende va via sença licencia, dieba pagar ala scuola soldi IIII e, se no vorà obedir, sia descançeladi dela scuola, e cadauno deli fradeli ch'el saverà e non l'acuserà, dieba esser a quella condicion e paga soldi IIII.


Capitolo XVII.


Ancora al1 pare misier lo vardian, al avicario e ai gastaldi, che le done, le qual è in la dita scuola, diebia pagar per cadauna volta che anderà la scuola VI picoli.


Capitolo XVIII.


Ancora al pare misier lo vardian, e ai gastaldi, che quelli i qual volesse intrar in questa benedeta scuola, che fosse acetadi, non se intende mai de esser acetadi per infinatanto che i abia la capa.

  1. Nel codice si legge «el» e così pure ai Cap. XVIII e XIX.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/42&oldid=62572"