Pagina:I monumenti più antichi del dialetto di Chioggia.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.

fuora dela scuola, salvo se i no serà in viaço fuora de la tera, o maladi.


Capitolo X.


Ancora volemo et ordenemo che quando algun vien acetado con questa condiçion, che paga la so intrada segondo como i primi açetadi, che è soldi vinti per omo, (che) chadaun de li fradeli che serà açetadi in la scuola se dieba aver fato la so capa per fina a mexi tre prosimi che de' vegnir.


Capitolo XI.


Ancora volemo et ordenemo che sia una cassa da tegnir danari con quatro chiave, e quatro che loro non possa avrir l'un sença l'altro, salvo çusto pedimento, e quelo sia tegnudo de dar la chiave, che la se abia, siando prexente tuti li altri fradeli over la maçor parte.


Capitolo XII.


Ancora volemo et ordenemo che sia tegnudo conto de l'intrada e de l'insida e consignar tute cosse de la scuola per aventario de gastoldi in gastoldi, prexente quatro savij li qual serà eleti per lo capitolo.


Capitolo XIII.


Ancora volemo et ordenemo, che sia fato sie comandaori, e queli sia tegnudi de andar comandando ai fradeli dela scuola per dover andar con la scuola, over andar ad algun corpo, e queli che non hobedixe, menda ala scuola soldi quatro per çascadun, e quei che non vorà obedir sia descançeladi dela dita scuola.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_monumenti_più_antichi_del_dialetto_di_Chioggia.djvu/41&oldid=62571"