La scala e la luna

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 255 modifica]
LA SCALA E LA LUNA.


I.


Scala de seda,
longa, sutila
furba, canaia,
che no se veda,
che no se sfila,
che no se taia,1
che se destira
zò dal balcon,
che salta e bala
e gira e gira
come la scala
de la passion...
Ci t'ha portado
quà descondon?
Ci t'ha ligado?
Mah! – A çerti trosi
de du morosi,
che no pol più...
Me par de moda
lassar che i goda,
no dirghe su!

[p. 256 modifica]


II.


«...Avvenne una notte, come amor volse, la luna più del solito rilucendo, che mentre Romeo era per salire sopra il detto balcone, la giovane, o che ciò a caso fosse, o che l'altre sere udito l'avesse, ad aprire quella finestra venne e fattasi fuori lo vide...»

Dalla novella di Luigi Da Porto.



Giulieta

Romeo Montecio, cosa fèo2 a sta ora
de note, in giro e sensa compagnia?


Romeo

Vegno a parlar con vu, dolçe signora;
che m'ha ciapado 'na malinconia

granda, ma fina come udor de fiora,
come el ricordo de una malatia,
e più el me pònse e più ghe penso sora,
più me despiase de mandarlo via.

[p. 257 modifica]


Giulieta

Ma no i v'ha dito no, quante questione
g'à avù le nostre parentade in drio,
che el farse trovar quà da ste persone,
ve mete in gran pericolo, amor mio?...


Romeo

No, quando penso a vu sento che done
come vu no se in trova, parchè Dio
l'à concentrado le so bone assione
nel farve bela e lavorarve a drio.


Giulieta

Parla, parla Romeo...


Romeo

                                   ...Parchè mi vedo
che una finestra sèra el me tesoro,
e rido e pianso, e a la Madona credo
e con vu da par mi sempre discoro;

[p. 258 modifica]


el vin che bevo, me va in tanto asèdo,3
el pan che magno, no 'l me dà ristoro
e me sento nel cor come un gran fredo...


Giulieta

Parla, parla Romeo...


Romeo

                                   ...Parchè mi moro

de la passion più forte, e alora diso:
Elo dunque, Romeo, tempo vegnudo
che te andarè con ela in paradiso?
Boca de fraga, carne de veludo,

basi minudi come un gran de riso,
e la testa pusàda sul sen nudo,
e i oci iluminadi de improviso!...


Giulieta

Élo dunque, Romeo, tempo vegnudo?

[p. 259 modifica]


III.


O luna tonda, che nel çiel te giri
sentinela del mondo e de l'amor,
e basi e pianti insieme te respiri
da i to balconi pieni de slusor,
che te inçercola4 tuta a giri, a giri;

luna, a quarti o a metà, secondo segna
la moda stramba che se usa in çiel,
dopo che in çiel, come el lunario insegna,
i te sassina a colpi de penel,
e naso e oci e boca i te dissegna;

luna dei monti, ciaro de i paesi,
specio de i laghi e de le vale fonde,
stela dei copi, dove i gati intesi
se sfida a rugolar5 zò da le gronde
par le gatine de tuti i paesi;

[p. 260 modifica]


luna de quei che a sorte o par natura
dorme in mèso a le strade o su la paia,
questurina dei ladri a note scura,
rabia dei cani che te guarda e sbaia,
risorsa del pitor che te impitura;

luna, imprèsteme a mi tuto el to lume,
la to camisa bianca, el to slusor,
parchè vesta du osei de le so piume,
du colombini che se fa a l'amor...
E parmèteme a mi che fassa lume!



Note
  1. taia: taglia.
  2. cosa fèo: cosa fate.
  3. asèdo: aceto.
  4. che te inçercola: che ti circonda
  5. rugolar: capitombolare.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_scala_e_la_luna&oldid=70802"